Pubblicazione sentenza Paolo Cudrig

Pubblicazione sentenza Paolo Cudrig

Repubblica Italiana
Il Tribunale di Udine, Prima Sezione Civile in nome del Popolo italiano ha emesso la seguente sentenza nella causa civile, avente ad oggetto: “altre ipotesi di responsabilità extracontrattuale non ricomprese nelle altre materie”, tra: Paolo Cudrig, rappresentato e difeso dagli avv.ti Michele Coceani e Fabrizio Forgiarini del Foro di Udine; attore
contro
Leggo Società per Azioni, in persona del legale rappresentante pro tempore;
Il Gazzettino Società per Azioni, in persona del legale rappresentante pro tempore,
entrambe rappresentate e difese dall’avv. Emanuele Gullo del Foro di Venezia, con studio in Padova;
convenute.
il Tribunale di Udine in composizione monocratica, definitivamente pronunciando nella causa iscritta al n. 474/2015 , tra le parti sopraindicate, così statuisce:
1- condanna Leggo Società per Azioni, in persona del legale rappresentante pro tempore, a pagare all’attore Paolo Cudrig, a titolo di risarcimento dei danni non patrimoniali - per l’errato accostamento di una foto di Paolo Cudrig ad articolo di cronaca giudiziaria su fatti ai quali il Cudrig era del tutto estraneo, pubblicato sul sito “www.leggo.it” il 16.4.2013 -, la somma di €.15.000,00, oltre agli interessi di legge ex art.1284 co.4 c.c. dalla data della presente sentenza al saldo effettivo;
2- condanna Il Gazzettino Società per Azioni, in persona del legale rappresentante pro tempore, a corrispondere all’attore Paolo Cudrig, a titolo di risarcimento dei danni non patrimoniali - per l’errato accostamento di una foto di Paolo Cudrig ad articolo di cronaca giudiziaria su fatti ai quali il Cudrig era del tutto estraneo, pubblicato sul sito “www.gazzettino.it” il 16.4.2013 -, la somma di €.10.000,00, oltre agli interessi di legge ex art.1284 co.4 c.c. dalla data della presente sentenza al saldo effettivo;
3 - ordina, ai sensi dell’art. 120 c.p.c., a Leggo Società per Azioni, in persona del legale rappresentante pro tempore, la pubblicazione per estratto (intestazione, parti, difensori, dispositivo, data – omessi il nome ed il cognome del giudice) della presente sentenza sul sito “www.leggo.it” a propria cura e spese, per una volta e con permanenza per almeno un mese;
4 - ordina, ai sensi dell’art. 120 c.p.c., a Il Gazzettino Società per Azioni, in persona del legale rappresentante pro tempore, la pubblicazione per estratto (intestazione, parti, difensori, dispositivo, data – omessi il nome ed il cognome del giudice) della presente sentenza sul sito “www.gazzettino.it” a propria cura e spese, per una volta e con permanenza per almeno un mese;
5. condanna i convenuti in solido a rifondere all’attore le spese di lite, comprensive anche della fase di mediazione obbligatoria, che liquida in €.9.000,00 per compensi, oltre €.894,94 per esborsi, oltre al rimborso delle spese forfettarie in misura pari al 15% dei compensi, oltre IVA e CPA come per legge.
Così deciso in Udine, 20/01/2017.


 
Giovedì 25 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 26-05-2017 11:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-05-31 17:51:57
Nel mio caso sono stato per CORRUZIONE accusato di malattia psichiatrica quando dal 1984 al 2010 L'EPILESSIA CRIPTOGENETICA FARMACORESISTE TEMPORALE DESTRA da 14 Policlinici specializzati nella neurochirurgia e nella cura farmacologica hanno sempre scritto la reale situazione che si tratta di Malattia NEUROLOGICA della patologia mail magistrato BENEDETTO ROBERTI con le sue colleghe MARIELLA FINO - LARA FORTUNA PAOLA CARMEN - LUISA ROSSI sono andati a frodare i certificati medici di 27 anni eseguiti dai rispettivi Policlinici, causando la falsa visita medica. I Policlinici sono a Padova Mentre Milano Bologna Roma e all'Estero sono in Francia a Marseille Policlinico DE LA TIMONE che lavora con il POLICLINICO SPAGNOLO INGLESE GIAPPONESE e di BOLOGNA BELLARIA. Oggi con il reato di aggressione subito i danni alla Salute causati per corruzione commesso dal TRIBUNALE di [ Padova - Venezia - Vicenza ] non è più operabile per aver commesso il REATO di TENTATO OMICIDIO cambiando i farmaci PRESCRITTI senza la firma del medico curante PATRIK SCOVELLE e causato il SECONDO Focolaio nella zona TEMPORALE SINISTRA che se viene operato si rischia la formazione del TUMORE. Nel 2016 ho eseguito l'esame di controllo e il Policlinico BELLARIA ha verificato la presenza del SECONDO FOCOLAIO che si è formato dopo il reato di aggressione degli ufficiali della caserma Rismondo pagati per CORRUZIONE mi hanno colpito alla testa durante due crisi Epilettiche Psicomotorie dopo la provocazione che mi ha c
DALLA HOME