Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Mercoledì 7 Dicembre 2016 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Muore dopo l'aborto spontaneo: "Medico obiettore non ha operato"

1 COMMENTO
Muore dopo l'aborto spontaneo: "Medico obiettore non ha operato"

Mercoledì 19 Ottobre 2016, 19:14

La Procura di Catania ha aperto un'inchiesta sulla morte di una 32enne, Valentina Milluzzo, deceduta il 2 ottobre scorso, dopo 17 giorni di ricovero, nell'ospedale Cannizzaro, dopo avere avuto gli aborti spontanei di due feti alla 19ma settimana di una gravidanza procurata con la procreazione assistita in un'altra struttura. Il fascicolo è stato attivato, come atto dovuto, dopo la denuncia dei familiari della 32enne.  Il procuratore Carmelo Zuccaro ha disposto il trasferimento della salma in obitorio, bloccando i funerali che erano stati organizzati nel paese del Catanese di cui la donna era originaria, e il sequestro della cartella clinica. La magistratura disporrà l'autopsia dopo avere identificato il personale in servizio che sarà indagato, come atto dovuto, per omicidio colposo per potere eseguire l'esame autoptico.    MEDICO OBIETTORE  Si sarebbe rifiutato di estrarre il feto che aveva gravi difficoltà respiratore fino a quando fosse rimasto vivo perché obiettore di coscienza. È la dichiarazione di uno dei medici che ha assistito la 32enne morta nell'ospedale Cannizzaro di Catania, assieme ai due gemelli che aspettava, secondo quanto ricostruito dai familiari della donna e contenuto nella denuncia presentata alla Procura dal loro legale, l'avvocato Salvatore Catania Milluzzo.  «La signora al quinto mese di gravidanza - sostiene il penalista - era stata ricoverata il 29 settembre per una dilatazione dell'utero anticipata. Per 15 giorni va tutto bene. Dal 15 ottobre mattina la situazione precipita. Ha la febbre alta che è curata con antipiretico. Ha dei collassi e dolori lancinanti. Lei ha la temperatura corporea a 34 gradi e la pressione arteriosa bassa. Dai controlli - aggiunge - emerge che uno dei feti respira male e che bisognerebbe intervenire, ma il medico di turno, mi dicono i familiari presenti, si sarebbe rifiutato perché obiettore: 'fino a che è vivo io non intervengò, avrebbe detto loro». 


DIVENTA FAN DI LEGGO



1 commenti presenti
Con "obiettore di coscienza" in ambito medico si sottintende, nella quasi totalità dei casi, di fede cattolica, da qui l'obiezione del medico ad adempiere al suo dovere. Tale negligenza causa la morte (probabilmente) della paziente. Seguendo il giustizialismo adottanto in tanti altri casi, oltre che espellere il signore dall'albo dei medici, rivalersi penalmente sullo stesso, bisognerebbe aprire un 'inchiesta sull'ingerenza della chiesa nell'affaire pubblico, ed estromettere gli adepti di tale setta da ruoli così importanti.
Commento inviato il 2016-10-20 09:18:07 da XRIZX

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.


Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui