La storia dietro la foto del bambino di 5 mesi
​che ha sconvolto il mondo: "Non ha pianto"
di Alessia Strinati

La storia dietro la foto del bambino di 5 mesi
che ha sconvolto il mondo: "Non ha pianto"

  • 4,6 mila
    share
Braccia sottili come ramoscelli, guance scavate, occhi asciutti e sgranati. Questa è l'immagine di Udai Faisal, il bimbo di 5 mesi morto di fame a causa della guerra in Yemen che ha sconvolto il mondo.

«Non ha pianto», ha raccontato la madre, secondo quanto riporta Metro, «Non aveva lacrime, ha solo urlato e poi è svenuto». Il padre di Udai ha altri 9 figli e una pensione di guerra da 140 dollari al mese. Trovare lavoro è impossibile in una zona dilaniata dalla guerra e i prezzi del cibo aumentano di giorno in giorno. La famiglia mangia un solo pasto al giorno che comprende o yogurt e pane o piselli.
 


La mamma di Udai ha partorito il piccolo durante un bombardamento, per 20 giorni è riuscita ad allattarlo, poi, per la malnutrizione e lo stress non ha più avuto latte, né i soldi per comprare quello che sarebbe servito al suo bambino. Il piccolo è stato alimentato con acqua e zucchero, spesso acqua sporca, così ha iniziato ad avere forti attacchi di diarrea. Negli ospedali raccomandavano latte in polvere e altri provvedimenti però troppo costosi, così il piccolo, lottando con tutte le sue forze per la vita, non ce l'ha fatta ed è morto per disidratazione e malnutrizione.

A 5 mesi pesava 2,4 chili. Dopo l'ultimo ricovero in ospedale i medici dissero loro che se non potevano dargli le cure necessarie non ci sarebbe più stata alcuna speranza, così la mamma e il papà lo hanno portato a casa, dove è morto 2 giorni dopo.
Mercoledì 30 Marzo 2016 - Ultimo aggiornamento: 31-03-2016 18:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2016-03-31 17:29:23
mi fà veramente rabbia vedere certe cose...che purtroppo non sono nè le prime e nè le ultime ma la cosa che mi fa più rabbia e leggere certi commenti,e in questo concordo con XRIZX,che trovano una soluzione così semplice a tutto ma alquanto poco geniale....si parla di un bambino morto di stenti xchè i genitori non potevano procurargli il latte e invece x proteggersi secondo voi i soldi li trovano x magia....anche da noi nel dopo guerra e prima nascevano tanti bambini poverissimi....uno di questi mio padre che xò ho sempre sentito raccontare la sua infanzia in maniera positiva e felice al contrario della nostra...
2016-03-31 11:28:21
@deepred ....ti sbagli.....i missionari NON esortano l'uso di contraccettivi. Cmq, a tutti voi sociologi, chiedo....quanto vi costa un pacchetto di preservativi? e la pillola in Yemen da chi te la fai prescrivere? Ma siete tutti campioni dalle vs grasse periferie eh?
2016-03-31 11:13:00
Buongiorno @finmecc77, @srlk, @mustica64....purtroppo quando si parla di medici ed ospedali, in questa zona, si parla di baracche, e personale che lavora senza ausili di alcun tipo, pochi farmaci, zero strumentazione diagnostica o quasi, situazioni igieniche disastrose all'esterno (pensate in queste baracche piene di malati spesso infetti). Spiegare le cause della guerra sarebbe lungo, ma basta sapere che vengono bombardati quotidianamente dall'arabia saudita, con bombe di fabbricazione ed importazione totalmente Italiana (nonostante la ns costituzione lo vieti). Per fortuna che poi antropologi luminari come @novi90 trovano il nocciolo del problema ed una soluzione geniale...per fortuna va!
2016-03-31 08:31:36
hai ragione novi90, nel loro paese non esiste la pillola o qualche altro medoto?
2016-03-31 08:30:18
sono daccordo con novi90. E' una cosa tremenda ma al giorno d'oggi anche nei paesi occidentali avere 10 figli è un extra lusso. So che i missionari cercano di spiegare di usare i metodi contraccettivi ma si vede che per religione o ignoranza questa gente purtroppo non ne fa uso.
DALLA HOME