Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Martedì 23 Maggio 2017 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Suicida dal 14esimo piano a 15 anni, nel telefono la scoperta choc

2 COMMENTI
Suicida dal 14esimo piano a 15 anni, nel telefono la scoperta choc

Giovedì 4 Maggio 2017, 14:10

Controllare i propri figli, specialmente nel periodo dell'adolescenza, non è mai stato facile per i genitori di ogni epoca. Oggi, però, con il web e gli smartphone, tutto diventa un'impresa titanica. E nell'epoca dei social, anche i particolari più insignificanti e innocenti, come il disegno di questa balena azzurra, possono nascondere qualcosa di inquietante e molto pericoloso.    Una moda nata in Russia, che sta prendendo piede in tutti i continenti grazie al web, è una vera e propria sfida tra ragazzi che, forse per combattere la noia, si prestano a compiere le azioni che vengono ordinate dagli amministratori. Una volta che si inizia a partecipare si dovrà accettare una sfida al giorno, e chi abbandona rischia di essere minacciato insieme alla propria famiglia. Alcune sfide sono innocue, come non parlare per un'intera giornata o guardare un film horror di notte al buio. Altre, però, sono molto pericolose: tra queste, ad esempio, c'è l'attraversamento di binari ferroviari, l'autoflagellazione e l'incisione sulla pelle della sagoma di una balena.      Il caso è emerso in Russia in seguito all'indagine sulle morti sospette di 130 ragazzi, quasi tutti suicidi e con motivi apparentemente inspiegabili. La sfida più estrema e pericolosa di questo assurdo gioco social è infatti il suicidio. Questo è stato il caso della 15enne Yulia Konstantinova, che dopo aver pubblicato sui social un'immagine della balena azzurra accompagnata dalla scritta 'La fine', si è gettata dal tetto di un palazzo di 14 piani.      Casi analoghi sarebbero avvenuti anche in Gran Bretagna, Spagna, Messico, Brasile, Colombia e Cile. Sembra assurdo che degli adolescenti possano decidere di arrivare a uccidersi per un gioco, ma va considerato che questa sfida coinvolge soprattutto ragazzi soli, depressi e vulnerabili, desiderosi di sentirsi gratificati e importanti e per questo disposti ad azioni estreme. Un nuovo, e decisamente inquietante, motivo per preoccuparsi e controllare cosa fanno i nostri figli, anche e soprattutto sui social.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO


PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

2 di 2 commenti presenti
2017-05-04 15:47:05
È' la noia ........ormai siamo finiti , game over❌❌❌❌
2017-05-04 14:59:57
Ho capito ma questi stanno proprio fuori di testa!! una volta era si diceva per dire "allora se ti dicono di buttarti dal ponte, che fai ti butti???", ora invece questi lo fanno sul serio!!!