Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Lunedì 25 Luglio 2016 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Olio extravergine importato dalla Tunisia senza
dazi: "Così si danneggia l'Italia". È protesta

FOTO | COMMENTA

Giovedì 10 Marzo 2016, 10:37

BRUXELLES - L'Unione europea è pronta ad aprire il suo mercato all'import senza dazi di 35mila tonnellate in più di olio tunisino per il 2016 e altrettante per il 2017. Appare infatti ormai tutta in discesa l'approvazione finale della misura, nata per aiutare i vicini in grave crisi dopo gli attacchi terroristici, da parte dell'Europarlamento. La stessa Eurocamera che lo scorso 25 febbraio, con l'introduzione di alcune modifiche, aveva rimandato la palla al Consiglio Ue, accendendo le speranze su nuovi negoziati.  Ieri invece la 'doccia fredda': una lettera della presidenza di turno olandese dei 28 ha dato il via libera degli Stati membri - inclusa l'Italia - al nuovo testo, ha accelerato a sorpresa i tempi e spinto l'Assemblea di Strasburgo a cambiare l'ordine del giorno per inserire il voto del provvedimento nell'agenda della plenaria di oggi. Tre le 'migliorie' incassate dagli eurodeputati italiani: l'obbligo di tracciabilità del prodotto tunisino, il divieto di proroga oltre i due anni previsti e una valutazione a medio termine dell'esecutivo Ue, per verificare eventuali danni ai produttori europei. «Con la strategia del Pd abbiamo guadagnato tempo e tre condizioni», spiega Paolo De Castro (Pd), coordinatore per il gruppo dei socialisti e democratici della commissione Agricoltura dell'Europarlamento, che annuncia l'impegno assunto ieri dal capo della diplomazia Ue, Federica Mogherini, «di lavorare per la suddivisione mensile del contingente extra, quando la Commissione europea si occuperà del regolamento attuativo».  Anche il M5S ieri ha incontrato Mogherini e oggi parla di un «blitz del Presidente Schulz» per l'accelerazione dei tempi di voto, attacca il Pd e il governo Renzi, che non si è opposto alla misura. Al capo della diplomazia Ue la delegazione pentastellata ha anche segnalato «il conflitto di interessi che tocca il premier tunisino, uno dei più grandi produttori di olio del Paese». «La Commissione europea deve adesso monitorare l'implementazione dell'accordo per evitare frodi e contraffazioni, e procedere al più presto con il riconoscimento di misure compensative per i nostri olivicoltori» è l'appello di Giovanni La Via (Ap/Ppe). Nel frattempo in Italia, Coldiretti parte già domani con una mobilitazione per la difesa del 'made in Italy' a Catania, in Sicilia, seconda regione produttrice di olio di oliva in Italia dopo la Puglia. Con oltre 90mila tonnellate l'anno di olio tunisino senza dazi, avverte Coldiretti «il rischio concreto in un anno importante per la ripresa dell'olivicoltura nazionale, è il moltiplicarsi di frodi».
 
  LA PROTESTA A CATANIA Sono già migliaia gli agricoltori del Mezzogiorno giunti a Catania per difendere l'agricoltura 'Made in Italy' che rischia di perdere i prodotti simbolo, dalle arance ai mandarini, ma anche pomodori, grano e olio sotto attacco delle politiche comunitarie, delle distorsioni di mercato e delle agromafie. La mobilitazione prende il via nel giorno del via libera definitivo dell'Unione Europea all'accordo che consente l'ingresso senza dazi di 35.000 tonnellate di olio di oliva dalla Tunisia in più che non aiuta i produttori tunisini, danneggia quelli italiani ed aumenta il rischio delle frodi a danno dei consumatori. Ci sono numerosi trattori e cartelli che chiedono «subito l'etichettatura di origine degli alimenti» ma anche denunciano «chi attacca il Made in Italy attacca l'Italia». Tra gli altri, sono in arrivo il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo ed il Ministro dell'Ambiente e Gianluca Galletti Ma sono stati anche allestiti stand per mostrare l'inganno del falso Made in Italy, per preparare la vera spremuta italiana e denunciare la strage delle arance ed anche una «collezione» dei più scandalosi prodotti agroalimentari con nomi che richiamano gli episodi, i luoghi e i personaggi delle Mafie che vengono sfruttati per fare un business, dal caffè mafiozzo bulgaro alla maffiasauce belga.   

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO



0 commenti presenti

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.


Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui