Social Media Week al via, alla Casa del Cinema il futuro è aperto a tutti

di Flavia Scicchitano
Dal learning machine, al business online, all'intelligenza artificiale. E ancora realtà aumentata, food, mobile, design, bullismo e fake news. Si è aperta ieri, alla Casa del Cinema, a Villa Borghese, la Social Media Week, l'appuntamento dedicato alle innovazioni del web e del digitale che ogni anno coinvolge migliaia di persone in oltre 26 città sparse tra i 5 continenti.

Nell'edizione romana, curata da Business International-Fiera Milano Media, esperti del digitale e neofiti, appassionati e curiosi, saranno chiamati a raccolta per un tuffo a 360 gradi nelle nuove tecnologie. Fino al 15 settembre oltre 60 dibattiti e workshop ispirati al tema Language and the machine: algorithms and the future of comunication permetteranno a singoli e aziende di fare rete. Con un obiettivo: esplorare l'impatto sociale, culturale ed economico del web, del digital e dei social network. 

«I giovani sono esperti di social ma c'è un aspetto su cui puntare: la tastiera non protegge da aggressioni e non nasconde da denunce», spiega Flavia Marzano, assessore comunale alla Roma Semplice. Insieme al direttore di Leggo, Alvaro Moretti, alla cerimonia di apertura, anche Gianluca Ciminata, Head of customer success & digital innovation services, Italy & Greece, Sap: «Il digitale ha cambiato la vita delle persone e lo stesso vale per le aziende. In questa trasformazione il social è fondamentale». «Il settore delle startup è in forte crescita - afferma Roberto Magnifico, board member, LVenture Group e Luiss Enlabs - ma per eguagliare Paesi come quelli asiatici dobbiamo andare alla velocità della luce». 

«È importante utilizzare il digitale per stimolare la creatività. Sui contenuti dobbiamo fare passi avanti», sottolinea l'attore e conduttore Enrico Silvestrin. Tra gli appuntamenti più attesi Chi m'ha visto-Apparizione e sparizioni social da film, con Beppe Fiorello. Del fratello Rosario si parlerà nell'incontro Fenomenologia social di Fiorello. Per finire con Totti social Club: il Capitano 2.0. 

Nel corso della kermesse Leggo, media partner, darà il proprio contributo all'analisi sull'influenza dei social sui grandi mezzi di comunicazione, affrontando anche il tema della Social music. Giovedì 14 settembre, saranno inoltre assegnati i Leggo Awards. Il direttore Alvaro Moretti premierà i Direttori per un giorno succedutisi nel corso dell'anno. Fra i premiati Lorella Cuccarini, Lillo&Greg, Dose e Presta del Ruggito del Coniglio, Roberto Recchioni di Dylan Dog, Riccardo Masetti di Komen Italia per Race for the cure, Lino Guanciale, Cludia Alfonso, Massimiliano Bruno, Volfango De Biasi.
Martedì 12 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 10:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME