Il sindaco: "L'Ema a Milano porterà 3000 posti di lavoro"
di Simona Romanò

Il sindaco: "L'Ema a Milano porterà 3000 posti di lavoro"

"Con Ema tremila posti di lavoro". Parola del sindaco Giuseppe Sala, che ieri è tornato a parlare dell’Agenzia europea del farmaco. Sala ha assicurato che Milano è «messa decisamente bene per sperare» nell’assegnazione dell’ente, che trasloca da Londa post Brexit. Il 20 novembre arriverà il verdetto dal Consiglio affari generali dell’Ue.

L’atmosfera che si respira è simile a quella del 2008 quando Milano riuscì a conquistarsi l’Expo 2015. Anche lo stesso sindaco, ex commissario dell’Esposizione, ha ritrovato l’entusiasmo di un tempo. «Ovviamente i concorrenti, da Barcellona a Vienna, sono temibili – ha aggiunto - ma siamo messi bene. Il nostro dossier è stato valutato positivamente per i tre aeroporti, per le infrastrutture, per le scuole, dal momento che abbiamo 15 mila studenti stranieri, e per i tanti vantaggi che possiamo offrire alle 800 famiglie del personale dell’Ema costrette a trasferirsi».

La partita può essere vinta grazie al gioco di squadra di Comune, Governo e Regione. Milano il 30 settembre ha già superato il primo scoglio con il giudizio favorevole della Commissione Ue: «Tra le città migliori», avevano detto i tecnici. La sede è di tutto rispetto: sul tavolo c’è il Pirellone, e il primo anno di affitto sarebbe gratis.

Sala ha poi ribadito che sarebbe un successo per l’intero paese, perché «l’Ema migliorerà la reputazione internazionale, porterà vantaggi economici, e non solo all’economia cittadina, oltre a tremila posti di lavoro diretti e indiretti nel settore medico e del farmaco». E prosegue il tour dei politici per convincere che la “Madonnina” è la scelta migliore. Oggi Sala parte per Zagabria, per poi volare a Stoccolma. 

Lunedì 9 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 23:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME