Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Mercoledì 28 Settembre 2016 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Canada, l'astronomo cieco che vede le stelle alla perfezione

FOTO | COMMENTA
Canada, l'astronomo cieco che vede le stelle alla perfezione
L'Osservatorio di Tim Ducette in Canada

Sabato 18 Giugno 2016, 18:58

di Luisa Mosello
E’ cieco ma vede benissimo le stelle. E come il grande Beethoven che soffriva di ipoacusia eppure componeva musiche straordinarie, anche lui fa un mestiere che necessita proprio del senso deficitario, in questo caso la vista. Si perché Tim Ducette, canadese, è un astronomo, nonostante anzi grazie al suo handicap, una forma grave di ipovedenza provocata da una cataratta congenita. Che se a prima vista, letteralmente, poteva essere un limite concreto e ben visibile in un lavoro dove l’occhio vuole tutta la sua parte, alla fine si è rivelata un’occasione inattesa. L’uomo, infatti, cieco dalla nascita, si era sottoposto a un’operazione per intervenire sul cristallino e allargare le pupille. L’obiettivo era quello di vedere almeno una minima percentuale, non più del 10% di una persona sana.  L’intervento però ha avuto degli effetti collaterali incredibili: le pupille sono rimaste sempre aperte, come in una foto sovraesposta. E mentre di giorno la sua minima vista è disturbata dall’estrema sensibilità alla luce che non gli permette di guardare bene l’universo, lo stesso universo di notte per lui non ha segreti. E quello che è un limite diventa un vero superpotere. Come racconta lo stesso Ducette. «Quando mi hanno tolto la benda da uno degli occhi, ho guardato la Via Lattea ed è stato come se una tenda si fosse sollevata, è stato incredibile».   Il suo velo era stato abbassato e da lì aveva potuto immergersi in un oceano fatto di tanti puntini brillanti. Che non erano gli effetti nefasti  di un distacco della retina, come aveva pensato all’inizio con grande preoccupazione. Ma una facoltà speciale, un talento, quasi un dono per vedere a occhio nudo quello che normalmente non è possibile scorgere neanche con un telescopio. Con tutti i dettagli, quasi impossibili da individuare, grazie al fatto di ricevere molta più luce agli occhi rispetto agli altri. E così all’osservatorio della Royal Astronomical Society of Canada vede “qualcosa che sembra una ciambella, con due piccole stelle in mezzo”, invisibile a tutti i presenti.  Da qui la decisione di realizzare un suo osservatorio privato, il Deep Sky Eye Observatory nella contea di Yarmouth in Nova Scotia. Per andare a rimirar le stelle ogni sera, liberamente prima di andare a letto. E dar loro la sua personalissima e lungimirante Buonanotte. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO



0 commenti presenti

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.


Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

CONDIVIDI LA NOTIZIA

DIVENTA FAN DI LEGGO