Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Domenica 31 Luglio 2016 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Roma, boom di autisti Atac ai seggi: bus fermi e disagi per il voto

COMMENTA
Roma, boom di autisti Atac ai seggi: bus fermi e disagi per il voto

Domenica 5 Giugno 2016, 09:22

di Simone Canettieri
Il picco ci sarà domani: una corsa su tre degli autobus dell'Atac si fermerà «causa elezioni». Perché la febbre delle urne ha contagiato gli autisti della municipalizzata: saranno in tutto 850 i permessi retribuiti. In gran parte sono rappresentanti di lista, solo 70 gli scrutatori. Una moda che colpisce anche l'Ama, con 400 spazzini schierati nei seggi a difesa dei voti di questo o quel candidato invece che dei rifiuti.  IL CAOS
I veri disagi riguarderanno i trasporti. Ma solo quelli su gomma. I macchinisti della metropolitana, forti di un nuovo contratto legato nella parte variabile alle corse effettuate, alla fine andranno al lavoro. Discorso diverso, invece, per gli autisti. Che in questi tre giorni lavoreranno ai seggi ugualmente pagati dall'Atac. Gli effetti di tutto ciò? Ieri le prime controindicazioni di questa corsa al seggio: 10% delle corse in meno in giro per la città, dal centro alla periferia. Oggi si raddoppia. Domani il clou, con la Capitale che aspetterà il nuovo sindaco ma anche i mezzi pubblici alle fermate per andare a scuola o al lavoro. Il direttore generale dell'Atac, Marco Rettighieri, non ha potuto fare altro che allargare le braccia. Ieri ha diramato la nota sui possibili disagi, nel frattempo ha congelato i permessi sindacali, altro strumento ampiamente abusato dalle parti di via Prenestina. E così i record elettorali di questa tornata aumentano sempre di più: per 8mila candidati tra sindaco, consiglio comunale e municipi, ci saranno oltre 800 rappresentanti di lista provenienti dall'Atac (più i 400 dell'Ama), pronti a inchiodare i presidenti dei seggi al primo odor di broglio, salvo accelerare in caso contrario.


DIVENTA FAN DI LEGGO



CONDIVIDI LA NOTIZIA

DIVENTA FAN DI LEGGO