Una donna entra in casa e le dà fuoco: "Credeva fossi l'amante di suo marito, ma non era così"

Una donna entra in casa e le dà fuoco: "Credeva fossi l'amante di suo marito, ma non era così"

L'accusa di essere l'amante del marito, così le dà fuoco. Dana Vulin ha raccontato della terribile violenza subita nel febbraio del 2012 da Natalie Dimitrovska, una donna convinta che Dana fosse l'amante del marito dopo averli visti parlare durante una festa.



Come riporta il Sun, Dana si era addormentata sul suo divano, nella sua casa di Perth, quando la donna è entrata in casa sua, la bagnata con un liquido infiammabile e le ha dato fuoco. Il 60% del suo corpo è restato gravemente ustionato, sono stati necessari decine di interventi e per due anni ha dovuto indossare per tutto il giorno, tutti i giorni, una maschera, proprio per cercare di evitare che le bruciature lasciassero segni indelebili sul suo volto.

Oggi la donna è finalmente guarita e ha deciso di raccontare la sua terribile esperienza in un libro. «M rendevo conto di quello che stava accadendo», ha raccontato, «Ho provato a spegnere le fiamme bagnandomi, poi ho gridato fino a quando un uomo che lavorava vicino casa non mi ha sentito ed è corso in mio soccorso».

Natalie Dimitrovska è stata arrestata e condannata a 17 anni di carcere.
Giovedì 21 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 20:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME