Entra nella gabbia degli orsi ubriaco e cerca di sfamarli: viene sbranato

Aveva comprato del latte condensato con cui sfamare alcuni orsi posti nel retro di una piccola località turistica in Siberia e, dopo aver sottovalutato il pericolo del suo stato di ubriachezza, insieme ad un amico si è addentrato all'interno della gabbia degli animali.

Per il 42enne russo Andrey Sakharovsky l'ingenuità è costata molto cara: un orso, infatti, lo ha attaccato e azzannato. Soccorso tra mille difficoltà, l'uomo è stato trasportato d'urgenza in ospedale dove gli è stato amputato il braccio destro ma si è salvato. I fatti, raccontati anche dal Sun, risalgono allo scorso 15 agosto, ma il video è stato diffuso solo qualche giorno fa. Ne è nata una battaglia legale tra i familiari di Andrey e i proprietari del bar e degli orsi, il fratello dell'uomo ha dichiarato: «Ora è disabile, non potrà più lavorare. La colpa è sua, non avrebbe dovuto scavalcare né allungare la mano verso le gabbie, ma loro gli hanno venduto il latte condensato sapendo che quello sarebbe stato il suo intento». Gli animali responsabili dell'attacco sono stati abbattuti: «Una volta assaggiato il sangue umano, diventano ancora più pericolosi e una minaccia costante per le persone». Lo riportano fonti locali tra cui SiberianTimes.com.
Giovedì 14 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 13:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME