Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Mercoledì 24 Agosto 2016 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Ilaria Cucchi: "Non mi pento di aver mostrato
il volto di quel carabiniere" -Foto

FOTO | 8 COMMENTI
Ilaria Cucchi: "Non mi pento di aver mostrato
il volto di quel carabiniere" -Foto
Ilaria Cucchi

Martedì 5 Gennaio 2016, 11:36

«Mi dispiace per i commenti violenti e le minacce, noi non vogliamo vendetta ma giustizia. Lo specificammo sei anni fa, quando scendemmo in strada per chiedere di non aggredire agenti o incendiare cassonetti in nome di Stefano».
   
Ilaria Cucchi, intervistata dal Corriere della Sera, torna così sul caso della foto di Francesco Tedesco, uno dei carabinieri indagati per lesioni ai danni del fratello. Lei l'aveva trovata sul profilo Facebook del militare e pubblicata sulla propria pagina, e per questo motivo il legale Eugenio Pini ha annunciato una querela.  Il Corsera si chiede se sia giusto "esporre al pubblico ludibrio un uomo indagato e non ancora giudicato", Ilaria Cucchi risponde così: «Ci sono le intercettazioni, per me sono prove schiaccianti. Gli indagati parlano tra di loro pensando a come ottenere la sospensione della pena, usano quattro o cinque cellulari come i banditi, uno insulta l'ex moglie che gli ricorda di aver raccontato del pestaggio, e in tutti questi anni hanno taciuto e mentito, facendo processare persone che poi sono risultate innocenti».  La sorella di Stefano Cucchi, poi, non vuole sentire di "gogna verso il carabiniere indagato": «La vera gogna l’ha subita mio fratello, dopo essere stato ucciso. Io non ho mai detto che Stefano non aveva colpe, ma doveva essere giudicato ed eventualmente condannato, non pestato e lasciato morire. Scrivendo il messaggio non ho pensato al rischio di fomentare la violenza; volevo solo che l’immagine muscolosa e sorridente di quel carabiniere fosse messa a confronto con quella di Stefano. Era una foto già pubblica, lui l’aveva messa su Facebook e l’ha tolta solo l’altro ieri, non quando s’è saputo che è inquisito per il pestaggio. Il mio è stato uno sfogo contro chi non s’è limitato a picchiare, ma se n’è pure vantato».  Nessun passo indietro, senza paura. Anche se è scattata la querela: «Io non porto divise e mi assumo le mie responsabilità. Ma basta con le ipocrisie, sono stanca: hanno massacrato un ragazzo, poi hanno nascosto le prove arrivando a sbianchettare un registro ufficiale, hanno taciuto e mentito. E adesso querelano? Si vede che non hanno altra strada. Piuttosto mi chiedo come sia possibile che questi carabinieri, tra cui quello che medita di rapinare gli orafi se lo cacciano, siano ancora in servizio; che girino armati con le pistole di ordinanza. Non mi pento di nulla, poi se ho sbagliato si vedrà. Non ho paura, a differenza di altri».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO



8 commenti presenti
X tetrabyte67 Non ho voglia di dilungarmi ulteriormente, dico solo che chi va per mari pesci prende se intende e'bene altrimenti mi dispiace per lei.
Commento inviato il 2016-01-06 17:37:25 da forza7
Sorella Tanta animosità doveva tirarla fuori prima e aiutare il fratello, poi rifiutare i soldi, perché una vita non ha prezzo. Ora penso che voglia solo altri soldi e del fratello non gli interessa proprio niente.
Commento inviato il 2016-01-06 16:26:21 da carotagialla
@forza7 Forza7 la sua domanda e' ridicola.. Se ha una sorella o dei parenti stretti capirà che non le possono fare da balia 24 ore su 24 e spesso si e' impotenti, nonostante si lotti per aiutare un familiare in difficoltà di questo tipo. E comunque anche se si drogava...nessuno e dico nessuno aveva il diritto di pestarlo fino alla morte. Perché le foto parlano chiaro. Basta guardarle per capire che e' stato bastonato a morte. Anche se si preferisce voltare lo sguardo altrove. Tutto questo poi, da coloro che dovrebbero difendere la legge. Forse doveva pagare ma di certo non in quel modo. Il gesto di pubblicare la foto del carabiniere e' discutibile ma serve a non abbassare l' attenzione dei media sul caso.
Commento inviato il 2016-01-06 11:31:59 da tetrabyte67
perchè tanto risalto ad alcuni crimini, omicidei ecc. e niente ad altri?????
Commento inviato il 2016-01-06 06:04:20 da Siska
dov'era? Quando il fratello si drogava e spacciava dov'era la cucchi?
Commento inviato il 2016-01-05 18:33:22 da forza7
mah trovo assolutamente sbagliato pubblicare la foto del presunto o certo ci sara' una giustizia sinceramente trovo questi comportamenti molto strani...... che ci sia dolore non ce' dubbio ma...... mi pare piu' voglia di apparire o altro anche se queste cose non devono succedere certo non era uno stinco di santo mi pare ma di certo non meritava questo bisognava aiutarlo a crescere e integrarsi con una societa' sana
Commento inviato il 2016-01-05 17:10:55 da katia66
E' sbagliato forse...ma comprensibile! Dato che il processo a carico di questo individuo e' tuttora aperto, forse andava evitato lo sfogo con tanto di foto. Ma capisco la rabbia della sorella e il suo gesto. Dalle intercettazioni mi domando come possano essere ancora in servizio questi personaggi, capaci di passare da difensori della giustizia a rapinatori di gioiellerie senza molto sforzo se necessario..(almeno nelle loro intenzioni...) Questa gente va punita e radiata dalle forze dell' ordine.
Commento inviato il 2016-01-05 13:26:30 da tetrabyte67
fuori dall'arma il marciume
Commento inviato il 2016-01-05 12:40:05 da iphone4s

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.


Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui