Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Venerdì 27 Maggio 2016 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Isole Tremiti, via libera del governo alle trivelle
davanti a uno dei paradisi naturali d'Italia

1 COMMENTO
Isole Tremiti, via libera del governo alle trivelle 
davanti a uno dei paradisi naturali d'Italia

Domenica 10 Gennaio 2016, 18:01

ROMA - Autorizzate le ricerche petrolifere davanti alle isole Tremiti con un decreto del ministero per lo Sviluppo Economico, per la cifra di 1.929,292 euro l'anno. Lo denuncia Angelo Bonelli, della Federazione dei Verdi.

E cosi arriva il via libera alle trivellazioni al largo di uno dei paradisi naturali italiani, le isole Tremiti, nel parco naturale del Gargano, al largo di Foggia, in Puglia. Il 22 dicembre il ministero dello Sviluppo economico ha firmato il decreto di conferimento della concessione alla Petrolceltic Italia srl, che fa capo all'irlandese Petroceltic International, specializzata nell'esplorazione, estrazione e trasporto nel settore oil & gas. Dai documenti che Repubblica ha ricevuto in anteprima, l'area interessata ha un'ampiezza di circa 373 chilometri quadrati ed è stata concessa alla multinazionale per quattro anni a 1.900 euro l'anno (5,16 euro per chilometro quadrato).  "La domanda è stata presentata quattro anni fa ma pensavamo che, visto il trascorrere di tutto questo tempo, non fosse stata accolta" denuncia il leader dei Verdi Angelo Bonelli "e invece poco prima di Natale ecco qui il decreto. In questo modo si va ad intaccare un'oasi naturale, come ne sono state intaccate tante altre in Italia per le esplorazioni petrolifere, dall'Adriatico al Canale di Sicilia. Questa concessione alzerà un polverone: già in agosto i pescatori delle Tremiti hanno protestato contro questo provvedimento".  Su Facebook è nato anche un gruppo "No alle trivellazioni vicino alle Tremiti, Gargano, Adriatico" che raccoglie le proteste della comunità locale sulle trivellazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO



1 commenti presenti
Anche la Sicilia un tempo era un paradiso, ora grazie alle raffinerie nelle zone del gelese e limitrofi, alcuni bambini nascono malformati e si parla ancora di trivellare. In più hanno identificato un sito per raccogliere la spazzatura proveniente da altri posti. Al peggio non c'è mai fine. La colpa è di chi va a votare che ha scelto governatori, quasi tutti da galera!
Commento inviato il 2016-01-10 20:58:10 da blek macigno

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.


Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui